Buskers Festival di Ferrara apertura a sorpresa con Gianna Nannini

Apertura con sorpresa per la 33/a edizione del Ferrara Buskers Festival. Ospite e protagonista di una performance musicale è stata Gianna Nannini, che si è esibita dal camminamento della via Coperta del Castello Estense senza essere annunciata, come un’artista di strada, accompagnata al pianoforte Steinway & Sons da Christian Lohr, eseguendo un medley di La differenza, La donna cannone, Sei nell’anima, Meravigliosa creatura, Ragazzo dell’Europa e Notti senza cuore.
Il concerto della rocker senese è stato introdotto dall’esibizione di Raffaele Kohler, il trombettista milanese che, nei giorni del lockdown, suonava O mia bela Madunina dietro le finestre di casa sua, e dagli interventi di Marco Sbarbati, dei Daiana Lou e di AmbraMarie che hanno proposto alcuni brani del loro repertorio, suonando dai balconi delle case del centro di Ferrara.
Quest’anno il Festival si presenta con una limited edition che porta a Ferrara le migliori 14 buskers band d’Europa, selezionate tra oltre 700 richieste che, fino al 30 agosto, suoneranno in cinque location storiche della città, come il Giardino di Palazzo dei Diamanti, il Cortile di Palazzo Crema, il Chiostro di San Paolo, il Cortile del Castello Estense e il Giardino di Palazzo Roverella.
fonte ANSA