Tre per una. Omaggio a Mina. Oggi al RAVENNA FESTIVAL. 23/6/20

Danilo Rea, Massimo Moriconi, Alfredo Golino, narratore Massimiliano Pani.

Unica e inimitabile, sfrontata e seducente, scandalosa e libera, inarrivabile, carismatica, divina: in una parola, Mina.
Ottant’anni appena compiuti, di cui oltre 60 di carriera e più di 40 in volontario esilio dal pubblico e dal mondo, con la scelta radicale di abdicare all’apparire per essere, pura voce che imprevedibilmente ma periodicamente irrompe con la sua inconfondibile potenza e la sua tecnica saldissima: una carriera e una vita fuori dal comune celebrate sul palcoscenico di Ravenna Festival con l’omaggio di tre musicisti jazz – il pianista Danilo Rea, il bassista Massimo Moriconi e il batterista Alfredo Golino – che con Mina, profondissima conoscitrice di ogni genere musicale e attenta a circondarsi di collaboratori eclettici e di talento, hanno lavorato nel corso degli anni, dando vita agli arrangiamenti dei suoi dischi e insieme collezionando un caleidoscopio di registrazioni in trio “live in studio”, con centinaia di straordinarie takes sempre diverse e sempre coraggiosamente piene di musica di qualità. Un viaggio nelle canzoni più conosciute della cantante, da Non credere a E se domani a Io e te da soli, interpretate in chiave inedita. Massimiliano Pani, che di Mina è collaboratore e produttore oltre a esserne il primogenito, accompagna il pubblico nelle canzoni in veste di narratore, tra l’interpretazione personalissima del trio ed episodi di vita vissuta negli studi di registrazione.