Addio a MILVA la rossa “Pantera di Goro”

La cantante Milva, 81 anni, ci ha lasciato oggi 24 aprile 2021.

Voce penetrante, doti interpretative che la rendevano unica, la rossa della musica italiana ha detto addio al corpo terreno per entrare in un’altra dimensione.

Regina della canzone d’autore, durante la sua carriera ha collaborato con compositori del calibro di Battiato, Vangelis, Berio e Morricone.

Colta e sensibile, esordì a Sanremo nel 1961 con il brano “Il Mare nel Cassetto” rimanendo impressa nella memoria per sempre.

La sua ultima esibizione all’interno della celebre kermesse sanremese è datata 1993, col brano “Uomini addosso”.

Ribelle e fuori dagli schemi, la Pantera di Goro, aveva smesso da tempo di apparire in televisione per dedicarsi a concerti e spettacoli teatrali.

Grazie alla sua natura istrionica e piena di verve, Milva seppe lasciare una traccia importante nel mondo del teatro collaborando con nomi quali Strehler, ma anche David Riondino, Astor Piazzolla e tanti altri.

Le sue esibizioni, talmente tante da non riuscire a contarle, vedono tra i vari luoghi di cultura anche il  Teatro alla Scala di Milano.

Maria Ilva Biolcati, questo il suo nome all’anagrafe, era nota col soprannome “Pantera di Goro”  e sfoggiava la sua folta chioma di capelli rossi con grinta e -al contempo – eleganza.

Proprio per questo Enzo Jannacci, le dedicò il brano “Milva La Rossa”, ma la gran parte di noi la ricorda per brani iconici quali “Alexander Platz”, brano che ancora oggi viene ascoltato dal pubblico con grande entusiasmo.

La collaborazione con Battiato e Giusto Pio è soltanto una delle tante sfumature di una carriera veramente colorata e che rappresenta un unicum in quello che è il panorama musicale italiano.

Attrice oltre che interprete, Milva ci ha regalato esibizioni e registrazioni rare e pregne di personalità.

Carismatica e pluri-sfaccettata si esibiva con musicisti del calibro di Filippo Destrieri, Paolo Donnarumma e Alberto Radius.

L’etichetta discografica Ricordi (1982) la portò alla ribalta facendoci conoscere nuove possibilità artistiche che ancora oggi vengono ricordate dai suoi fans.

Artisti come Milva rimangono per sempre, lasciandoci in eredità una cosa che oggigiorno va sempre più perdendosi: l’unicità.

Continua a splendere Pantera Rossa.

Dafne D’Angelo